Le Gratie 1986-2016: 30 anni di noi

 

                        

LE GRATIE D'AMORE

MERCOLEDI' 21 GIUGNO 2017

A GENOVA IN CONCERTO

A PALAZZO TOBIA PALLAVICINO

(SEDE CAMERA DI COMMERCIO)

VIA GARIBALDI 4, ORE 18.30




MANIF_BOTTEGHE








Nel mese di giugno e luglio si svolgeranno alcuni appuntamenti / incontri dal titolo “Contaminazioni tra saperi”, organizzati dall’Associazione Culturale “Accademia del Chiostro”, con il contributo della Compagnia di San Paolo e i patrocini di Camera di Commercio di Genova, Regione Liguria e Comune di Genova.

 

Il primo incontro si terrà mercoledì 21 giugno a Genova presso Palazzo Tobia Pallavicino (sede della Camera di Commercio di Genova) in via Garibaldi 4 a partire dalle 18,30. Si tratta di un appuntamento durante il quale gli attuali responsabili di alcune delle Botteghe Storiche di Genova, in particolare l’Antica Farmacia Sant’Anna, Arduino Antiquariato, Luico Fabbrica Turaccioli, la Bottega Artigiana del Vetro, presenteranno, attraverso aneddoti e curiosità, l’attività e la storia di queste botteghe, che rendono la città di Genova ancora più unica. Le botteghe storiche non sono monumenti ma luoghi vivi in cui si esercitano ogni giorno attività particolari, spesso portate avanti con tenacia ma anche con grande entusiasmo e amore. Ed è con lo stesso entusiasmo che l’Harvey Ensemble, il gruppo di danza storica Le Gratie d’Amore, e Pro musica Antiqua proporranno uno spettacolo dal titolo “Genova tra il XVI e il XVII secolo”. Un viaggio nelle atmosfere raffinate della Genova del Seicento con  musiche e danze dell'epoca, impreziosito dalle ricostruzioni degli abiti delle dame ritratte da Rubens e Van Dyck: tra le altre Paolina Adorno Brignole Sale, Caterina Balbi Durazzo, Brigida Spinola Doria.

 

Il successivo incontro è previsto per mercoledì 5 luglio 2017 sempre alle 18,30 e sempre nella sede della Camera di Commercio dove il soprano Megumi Akanuma (soprano) e Benedetto Spingardi Merialdi in collaborazione con Genova Liguria Gormet presenteranno l’incontro “Melodie del Mediterraneo à la carte”. Si parlerà di cucina ligure e in particolare genovese, abbinata alla musica

 

Gli incontri sono aperti al pubblico con ingresso gratuito, fino ad esaurimento dei posti disponibili. Si prevede la presentazione dell’Associazione “per il sorriso di Ilaria di Montebruno”

L’intera manifestazione è stata realizzata con il sostegno della Compagnia di San Paolo e il patrocinio della Camera di Commercio di Genova, della Regione Liguria e del Comune di Genova.

Per informazioni telefonare allo 338 3100543

Per comunicazioni indirizzo di posta elettronica: info@accademiadelchiostro.it






SITO IN FASE DI RINNOVO... A PRESTO GLI AGGIORNAMENTI!!! 18/6/2017


scarica il depliant del gruppo!!!

vai agli eventi più significativi degli ultimi anni....



 

LE GRATIE D'AMORE: da dove veniamo, chi siamo e cosa facciamo

Il gruppo di danza storica “Le Gratie d'Amore” si è formato nel 1986 in seno ai Sestieri di Lavagna. Diretto da Marco e Manuela Raffa, è da sempre  protagonista della “Torta dei Fieschi” di Lavagna e dell'”Addio do Fantin” di San Salvatore dei Fieschi e cura la ricostruzione di danze, costumi e “atmosfere” che spaziano dal Medioevo al Rinascimento al secolo XVII con particolare riguardo per il periodo che, per Genova, prende il nome di “Siglo de Oro” e va dalla seconda metà del '500 al primo Seicento. I responsabili del gruppo hanno studiato con Barbara Sparti, Alessandro Pontremoli, Bruna Gondoni, Claudia Celi, Maurizio Padovan, Patrizia La Rocca, Lucio Paolo Testi, Federica Calvino Prina, Maria Cristina Esposito.

Gli abiti seicenteschi del gruppo – realizzati dalla compianta stilista Fernanda Venturini - si ispirano alla moda genovese ritratta da Rubens e Van Dyck e sono stati presentati nell’aprile 2004 nel Palazzo Ducale di Genova in un’affollata conferenza-concerto introdotta dal regista Arnaldo Bagnasco. Più volte impiegati in spettacoli e mostre, sono stati di recente esposti nel contesto della mostra curata da Roggero Roggeri e Leandro Ventura I Gonzaga delle Nebbie” a Rivarolo Mantovano (Mantova) e successivamente sono stati tra i protagonisti della mostra "Fili di Liguria" promossa da Omnia Eventi e dal Fondo Ambiente Liguria nella Sala Capitolare dell'Abbazia di San Fruttuoso a Camogli. Altri abiti del Seicento genovese e lombardo stati realizzati da Antonella Daneri Faenza.

Fin dalla sua costituzione, il gruppo “Le Gratie d’Amore” ha collaborato con il Conservatorio “Niccolo' Paganini” di Genova, con i Comuni di Genova, Lavagna e Cogorno e la Soprintendenza ai Beni Artistici e Storici della Liguria oltre con la Galleria Nazionale di Palazzo Spinola a Genova e con ricercatori ed interpreti nel campo della musica antica come Gian Enrico Cortese, Marc e Patrick Novara, Lucio Paolo Testi, Antonio Minelli, Gaetano Conte.

 Si è esibito nel corso degli anni in spazi prestigiosi: dal Piccolo Regio di Torino alla Villa Simonetta di Milano nell'ambito dei concerti degli Amici della Musica, dalle principali piazze storiche d'Italia a tutte le più suggestive location genovesi: Palazzo Reale, Palazzo Spinola di Pellicceria, Palazzo Rosso, Palazzo Ducale. Ha realizzato concerti e eventi nell'ambito di Genova 2004-L'Età di Rubens, delle Giornate Europee del Patrimonio 2004 e 2005, de Le Printemps des Musees 2004,  partecipando al Corteo storico delle Antiche Repubbliche Marinare a Genova (2004), Amalfi (2005) e Pisa (2005), alle  Giornate Nazionali Colombiane 2005, alle Celebrazioni per il 60°della Repubblica con le coreografie del “Ballo delle Ingrate” (1608) di Claudio Monteverdi rappresentato dal Conservatorio Paganini a Palazzo Rosso il 2 giugno 2006, ancora a Palazzo Rosso nel 2008 le coregrafie e i costumi per l’opera di Adriano Banchieri “La Barca di Venetia per Padova” (1605) realizzato dall’associazione musicale “Il Concento Ecclesiastico” di Genova, alla Mostra Mercato di Bienno (Brescia) con una "due giorni" dedicata alla musica e alla danza del Seicento.Ha partecipato nel settembre 2010 alla IV edizione del Festival Internazionale di Musica Antica "Monza e Brianza" insieme all'Ensemble "Pro Musica Antiqua".

 Tra 2010 e 2011 ha avviato un'entusiasmante collaborazione con la Fondazione Cerratelli di San Giuliano Terme (Pisa) che custodisce l'eccezionale patrimonio di abiti di scena della Casa d'Arte Cerratelli di Firenze: 25 mila costumi che hanno fatto la storia del teatro e del cinema.Ha partecipato all'inaugurazione della mostra "Costumi per un Medioevo" inaugurata il 28 novembre 2010. E ha avuto il privilegiodi indossare e di esporre (a Lavagna nel contesto della Torta dei Fieschi 2011) gli abiti del Romeo e Giulietta di Franco Zeffirelli, il film vincitore di un premio Oscar per i costumi proprio grazie all'opera dell'indimenticabile Danilo Donati e del capo della sartoria, il Maestro Giorgio Tani. Eseguendo tra l'altro proprio la celebre "moresca" ideata da Alberto Testa per la scena-cult del Romeo e Giulietta!!!!


gli abiti del "Romeo e Giulietta"

Il gruppo ha anche curato le coreografie e i costumi delle opere “Simon Boccanegra”, “Barbiere di Siviglia”, “Rigoletto” realizzate dall’Associazione Simon Boccanegra e andate in scena al Teatro Cantero di Chiavari negli anni 2006, 2007 e 2008.

Promuove ogni anno a Lavagna (11 agosto) nell’ambito delle iniziative collaterali della Torta dei Fieschi il “Gran Ballo Storico” dedicato alla danza attraverso i secoli, tra storia e folklore.

 

Le giovanissime danzatrici del gruppo hanno vinto nell'ottobre del 2010 l'edizione del decennale del prestigioso Festival di danza antica di Cassine d'Acqui con un programma di danze del primo Seicento.


le vincitrici di Cassine

In questo periodo il gruppo si sta occupando di ricerca sul costume e lo spettacolo di corte nel contesto della Lombardia spagnola tra Cinquecento e Seicento che presenta forti affinità con la cultura, la moda e la “politica” genovese del periodo.


davanti alla cattedrale di Ventimiglia


...un po' di storia del gruppo...

Il patrimonio coreutico italiano, codificato a partire dal XIV secolo dai maestri Domenico Da Piacenza, Antonio Cornazano e Guglielmo Ebreo da Pesaro, è vastissimo e ricco di suggestione: dai codici manoscritti conservati nelle biblioteche di Roma, Firenze, Siena, Parigi e New York si possono ricostruire le danze di Lorenzo de' Medici, di Isabella d'Este e dei loro contemporanei, eseguite in occasione di balli di Corte, cerimonie di Stato o semplici serate di festa. Un patrimonio che si è poi arricchito, tra la fine del Cinquecento e i primi del Seicento, grazie ai maestri Fabrizio Caroso e Cesare Negri che con i loro trattati "Il Ballarino" (1581) e "Le Gratie d'Amore"(1602) ci hanno lasciato un vero e proprio tesoro di coreografie, musiche e "istruzioni" sulla tecnica di danza e sullo "stile" del tempo.

Fin dal 1978 esisteva nell'ambito dei Sestieri di Lavagna, protagonisti della manifestazione storica della "TORTA DEI FIESCHI" di Lavagna un gruppo di danza antica, che nel 1986 ha assunto la denominazione "Le Gratie d'Amore" e, dal febbraio del 1996, si è costituito in associazione culturale con sede a San Salvatore di Cogorno, in provincia di Genova. Il suo repertorio di ricostruzioni coreografiche di danze e "balli" spazia dal XIII al XVII secolo e si basa, oltre che su musiche d'epoca, sulle movenze ricavate da codici medievali o rinascimentali, e da antichi dipinti, affreschi o miniature. I responsabili del gruppo hanno studiato danza rinascimentale e tradizionale con Bruna Gondoni, allieva e collaboratrice di Andrea Francalanci, con Maurizio Padovan e Federica Calvino Prina.

Addiu du Fantin a San Salvatore dei Fieschi (13 agosto)
Marc Novara alla ghironda, Lucio Paolo Testi alla bombarda

"Le Gratie d'Amore" hanno promosso o preso parte a centinaia di spettacoli in tutta Italia e all'estero, esibendosi in spazi prestigiosi come castelli, antiche dimore, piazze storiche e nel quadro di manifestazioni storico-folkloristiche di grande richiamo. Tra le tante, la Giostra delle Cento Torri di Alba, il Palio della Balestra di Sansepolcro (Arezzo), la Pasqua del Budo di Milano, il Palio di S. Giovanni Battista, le Parate Colombiane e il Corteo delle Repubbliche Marinare a Genova, la Borsa Internazionale del Turismo di Milano, il Corteggio Storico di Prato, l'"Assedio" di Canelli, la Cena Medievale di Giustenice (Savona), la SS. Peter und Paul Fest a Bretten (Karlsruhe, Germania), il Columbus Day di New York e centinaia di manifestazioni minori in Liguria, Piemonte, Emilia e Toscana.

A partire dal 1993 il gruppo, in stretta collaborazione con il Laboratorio di Musica Antica del Conservatorio "Niccolò Paganini" di Genova diretto dal prof. Gian Enrico Cortese, si è esibito in numerosi palazzi storici di Genova, anche nel quadro di iniziative patrocinate dal Ministero dei Beni Culturali: la Galleria Nazionale di Palazzo Reale, la Galleria Nazionale di Palazzo Spinola, Palazzo Ducale, la Villa Brignole-Sale in Albaro, Palazzo Spinola-Gambaro del Banco di Chiavari, il Palazzo del Principe Doria, proponendo musiche e danze del repertosio genovese-italiano del Primo Seicento: Simone Molinaro, G.B. Dalla Gostena, Alessandro Stradella, Gasparo Fiorino e autori minori della "corte" della Repubblica di Genova.


Il 1° settembre 1996, al termine della Festa medievale di Cassine d'Acqui (Alessandria), il Gruppo ha ricevuto dall'assessore al Turismo e alla Cultura della Provincia di Alessandria il primo premio del Concorso riservato ai gruppi di danza antica.

 "Le Gratie d'Amore" si sono esibite più volte davanti alle telecamere della Rai e di numerose emittenti locali. In particolare va ricordata la partecipazione, nel 1988, alla trasmissione di Raiuno "Portomatto" condotta da Maria Teresa Ruta. Ruta. Il 5 agosto del 1997 il gruppo è stato protagonista con i Sestieri di Lavagna di una diretta di oltre 30 minuti nel corso della trasmissione di Raiuno "Unomattina Estate" e ha proposto alcune danze eseguite dal vivo all'esterno della sede Rai di Saxa Rubra a Roma. Più di recente ha preso parte ai programmi "Gustibus" (Raidue, luglio 2000) e "Linea Verde" (Raiuno, aprile 2001 e marzo 2004). Il 26 settembre del 1998 si è esibito al Piccolo Regio Puccini di Torino per il ciclo "I voli della rondine" organizzato dall'Associazione Giovani Amici Regio. Nel luglio del 2003 il gruppo ha realizzato il concerto "Udirai melodia del bel sonare - musica e danza tra Medioevo e Rinascimento" nell'ambito di "Rovereto Venexiana" sulla piazza San Marco di Rovereto (Trento) e lo spettacolo "Entrata in Milano della Serenissima Regina di Spagna" per i "Notturni in Villa" curati dall'Associazione Amici della Musica Milano per il Comune di Milano-Assessorato alla Cultura. 

Il 20 dicembre 2003 il Gruppo si è esibito nel Salone del Maggior Consiglio di Palazzo Ducale per la Cerimonia del "Confuoco" che ha di fatto aperto le celebrazioni di Genova 2004 - Capitale Europea della Cultura:

danza davanti al trono del Doge una targa per il sindaco il pubblico del Maggior Consiglio


Nel febbraio 2004 ha realizzato presso il Civico Museo di Scultura Ligure di Sant'Agostino a Genova, in collaborazione con il prof. Gian Enrico Cortese del Conservatorio "Paganini" di Genova, l'Università di Genova-Facoltà di Scienza della Formazione, il Teatro Carlo Felice e il Servizio Musei del Comune di Genova, lo spettacolo "Simon Boccanegra-Il primo Doge" (vedi)  

Nel corso del 2004 "Le Gratie d'Amore" hanno preso parte a numerose iniziative collaterali alla mostra "L'Età di Rubens". Ecco un resoconto di quello straordinario anno di eventi

Dame e cavalieri nei costumi del Seicento genovese
Gian Enrico Cortese all'arciliuto

Nel corso della sua attività il Gruppo ha collaborato e collabora con numerose formazioni di musica antica: la Compagnia "Les Troubadours" di Pralormo (Torino), il "Theatrum Instrumentorum" di Milano, il Laboratorio di Musica Antica del Conservatorio "Paganini" di Genova diretto da Gian Enrico Cortese, il gruppo "Arundel" di Brescia, la "Compagnia delli Musici et il Concerto delle Dame" di Genova, il Gruppo rinascimentale "Costantino Nigra" di Torino, l’Ensemble "Syntagma Musicum" di La Spezia, la "Cappella Musicale Genuense" di Genova, il "Collegium Vocale Monilia" di Moneglia. Collabora con solisti come Gian Enrico Cortese, Patrick e Marc Novara, Sergio Berardo, Daniele Calcagno, Gabriele Coltri, Vincenzo Onida, Lucio PaoloTesti, Gabriele Callegari.

Oltre ad essere protagonista ogni anno della rievocazione storica del 14 agosto a Lavagna (Torta dei Fieschi), il Gruppo progetta e dà vita, in collaborazione con il Comune di Cogorno, la Compagnia d'Armi Flos Duellatorum, i Sestieri di Lavagna, il regista chiavarese Pier Luigi Curci e altri soggetti, alla manifestazione storica dell'"Addiu du Fantin" del 13 agosto sul sagrato della trecentesca Basilica dei Fieschi a San Salvatore di Cogorno. I bozzetti di tutti i costumi del Gruppo sono stati ricavati da miniature, incisioni, pitture su cassone o affreschi del periodo medievale e rinascimentale.

I costumi del '400 sono stati realizzati dalla sartoria Ferven di Cogorno (Genova), diretta dalla compianta Fernanda Venturini che ha pure realizzato la ricostruzione dell'abito seicentesco di Paolina Adorno Brignole-Sale  (Van Dyck, Palazzo Rosso, Genova), di Brigida Spinola Doria (Rubens, National Gallery di Washington), Caterina Balbi Durazzo (Van Dyck, Palazzo Reale, Genova), Ansaldo Pallavicino (Van Dyck, Palazzo Spinola di Pellicceria, Genova). Per informazioni sul "progetto costumi" clicca qui

I bozzetti di altri costumi del '600 sono opera dell'artista torinese Silvana Baiotto e sono stati realizzati da Antonella Daneri Faenza.
I costumi d'ispirazione medievale sono stati disegnati da Olga Borghetti Minelli del gruppo Arundel di Brescia 

Il Gruppo si onora di avere l'ospitalità e l'appoggio delle Amministrazioni Comunali di Cogorno e Lavagna. Ha inoltre collaborato a più riprese con i Comuni di Chiavari e Sestri Levante e, per la realizzazione di corsi di formazione per insegnanti, con il Teatro Carlo Felice di Genova, con l'Università di Genova - Facoltà di Scienza della Formazione, con il Conservatorio di Musica "Niccolò Paganini" di Genova, con le direzioni didattiche di Lavagna e Casarza Ligure e la scuola media "Della Torre" di Chiavari, . .

 


CORSO DI DANZA STORICA

A San Salvatore di Cogorno. 
 
Per informazioni, 338-564.6595 o 335-600.4821

Il corso, aperto a tutti, partirà dall'insegnamento dei passi base per sviluppare poi l'apprendimento delle tecniche della danza italiana del Quattrocento e delle branles francesi del secolo successivo. Non è richiesta una conoscenza specifica della materia, saranno forniti testi e documentazione.

Successivamente si passerà allo studio delle coreografie e alla loro interpretazione, per finire con l'analisi delle danze italiane del tardo Cinquecento (Cesare Negri e Fabrizio Caroso).

Saranno anche analizzati elementi di storia del costume riferiti ai periodi presi in esame.



Nomi e simboli registrati - tutti i diritti riservati


LE GRATIE D'AMORE - corso Buenos Aires 72/12 - 16033 LAVAGNA (GENOVA) - Italia
Libera associazione senza fine di lucro - n. 611/III/96 Uff. Registro Chiavari

telefono: 335-600.48.21   338-56.46.595

 per inviare una mail, comporre l'indirizzo

info  (chiocciola) legratiedamore.com

(precauzione antispam)


Search this site powered by FreeFind